La Certificazione internazionale IFS è un traguardo importante, che poche aziende italiane hanno raggiunto, specie in ambito cosmetico. Fabrizia Lo Bosco, ci spiega cosa significa l’IFS e quali garanzie in più offre ad aziende e consumatori finali.

Prodotti green, eccellenti e certificati

La produzione green di San.Eco.Vit ottiene la nuova Certificazione IFS con punteggio superiore a 95%. 

Da un’intervista a Fabrizia Lo Bosco, Responsabile dell’Ufficio Regolatorio, Assicurazione e Controllo Qualità.

La Certificazione internazionale IFS è un traguardo importante, che poche aziende italiane hanno raggiunto, specie in ambito cosmetico. Fabrizia Lo Bosco, ci spiega cosa significa l’IFS e quali garanzie in più offre ad aziende e consumatori finali. 

Le Certificazioni, come IFS e GMP, sono fondamentali per garantire l’igiene e la qualità di un prodotto, ma parlando di prodotti green occorre prima fare una precisazione.

In ambito cosmetico si fa distinzione tra cosmesi tradizionale o convenzionale, e cosmetica verde, naturale ed ecosostenibile. Entrambe sono formulate secondo il Regolamento Europeo (CE) n. 1223/2009 che norma cosmetici e make up.
La cosmetica verde in più ha la caratteristica di rispondere alle richieste degli standard Eco Bio ed è quindi formulata con ingredienti di origine vegetale o minerale e ingredienti biologici.

All’interno di quest’ultima occorre fare un’ulteriore distinzione tra: prodotto naturale e prodotto naturale con ingredienti biologici. Il mondo della cosmetica ammette infatti anche materie prime che derivano da matrice vegetale, che subiscono processi considerati “green” in quanto hanno scarso impatto a livello ambientale o non modificano sostanzialmente la materia prima di partenza, non conferiscono caratteristiche di tossicità o pericolosità per il consumatore.

Mentre il cosmetico con ingredienti bio è un prodotto formulato con materie prime naturali, in parte derivanti da agricoltura biologica.

All’interno della cosmetica green, fino a qualche anno fa, si faceva attenzione solo alla parte formulativa, ad esempio si è deciso di abbracciare il mondo degli oli essenziali, ritenuti più sicuri per il consumatore rispetto a quanto disponibile nel modo della profumeria.
In un secondo momento si è compreso che alcuni ingredienti, per quanto naturali o di derivazione biologica, potevano comunque portare allergeni, essere irritanti o non essere sempre adatti a un uso prolungato nel tempo, pertanto si sono affinati e perfezionati ulteriormente i test sulla tollerabilità e la sostenibilità degli ingredienti. 

Da questo momento la visione green ed ecosostenibile ha iniziato a rafforzarsi inglobando i concetti di innocuità e sicurezza per il consumatore.
Così la cosmetica si è evoluta insieme alla mentalità green e, accanto all’esigenza di una cosmetica naturale, si è aggiunto il discorso del packaging, uno degli ultimi focus della cosmetica naturale, che San.Eco.Vit. sta affrontando sia andando a ridurre la grammatura, sia la quantità di materiali plastici utilizzati, sia studiando soluzioni alternative, sempre più sostenibili”. 

San.Eco.Vit. ha spesso precorso queste evoluzioni e oggi, in anticipo su tanti player italiani, ha conseguito la Certificazione IFS con punteggio superiore a 95%, un ottimo traguardo che si va ad aggiungere ad altre importanti Certificazioni. 

Esistono tante certificazioni nel mondo del naturale e del biologico.
Si tratta di certificazioni volontarie che aiutano aziende e consumatori a capire come è stato formulato il prodotto e garantiscono il controllo di una parte terza, esterna all’azienda ed imparziale.
San.Eco.Vit. ha tantissime formule certificate Bios, ente certificatore che vanta un disciplinare valido e completo, attento alle formule e ai processi industriali che le materie prime possono subire.

San.Eco.Vit. sposa inoltre la filosofia di EcoBioControl di Fabrizio Zago, uno dei maggiori esponenti in Italia della chimica verde: un’approvazione che, oltre alla provenienza delle materie prime e alla qualità della formula, va a valutare altri parametri come la sostenibilità dei prodotti per l’uomo e per l’ambiente per cui, per ottenerla, occorre fare un ulteriore sforzo rispetto ad altri disciplinari.
L’approvazione EcoBioControl inoltre è molto dinamica: accompagna le aziende suggerendo modifiche formulative o la sostituzione di materie prime con ingredienti nuovi o alternativi altrettanto validi e sempre più sostenibili, in ottica di un’evoluzione costante del prodotto e del packaging.

Una approvazione evolutiva quindi, con la quale San.Eco.Vit offre una terza garanzia: quella del totale rispetto dell’ambiente dei suoi prodotti. 

La Certificazione IFS arriva in San.Eco.Vit nel 2021, dopo altre due certificazioni importanti: 

  •  la ISO 9001:2015, che monitora il sistema di gestione della qualità a livello aziendale a 360° gradi, 
  •  la certificazione UNI EN ISO 22716:2008, ovvero le GMP (Good Manufacturing Practices), una sorta di lente di ingrandimento che valuta l’impatto di tutti i processi sul prodotto finito in termini di qualità.

Lo Standard IFS, come suggerisce il nome International Food Standard, proviene dal mondo alimentare ed è estremamente preciso ed estremamente attento a tutte le garanzie che si possono fornire al consumatore, dalla progettazione del prodotto alla scelta materie prime, dalla metodica formulativa a tutti i processi di industrializzazione, packaging, stoccaggio e vendita.

L’IFS guarda a tutto ciò che succede da quando il dipendente mette piede in azienda, in pratica scatta una fotografia completa dell’azienda e di ogni singola attività che la Direzione e l’ufficio Assicurazione Qualità devono valutare e compiere per l’abbattimento del rischio e del danno, mantenendo come focus principale la qualità del prodotto e la garanzia al consumatore finale”. 


Con questo nuovo traguardo, che certifica la qualità di processo e di prodotto, San.Eco.Vit. fa un ulteriore passo in avanti che le permette di garantire, in totale trasparenza, prodotti green personalizzati in base alle esigenze del cliente, eccellenti, sicuri e certificati, sostenibili nella formula e nel packaging.